Viva Vittoria è Vita!

Eh sì, e con la V maiuscola. Volete sapere com’è andata a finire l’opera relazionale condivisa realizzata a Parma lo scorso Novembre? Centinaia di quadrotti a maglia e uncinetto hanno ricoperto la piazza storica della città, ore di lavoro instancabile di tante, tantissime persone per raggiungere un traguardo che fosse condivisibile con tutti. La manifestazione ha avuto un tale successo che già nel pomeriggio della prima giornata non restava nulla, ma proprio più nulla da vendere.

E’ ancora sorprendente per me come sia potuto succedere. Tutto nasce da un’idea di Ida Chiapponi, una delle due nuove referenti di Quilt Italia per l’Emilia Romagna. Ida aveva già ammirato un’installazione di Viva Vittoria, collegarla alla nuova associazione de La Doppia Elica che aveva bisogno di aiuto le era venuto naturale. Le ragazze di Viva Vittoria hanno condiviso con lei la loro preziosa esperienza, la generosa ospitalità di un’iscritta a La Doppia Elica ha permesso di creare un punto d’incontro centrale alla città. E poi? Come trovare la lana? Come far conoscere il progetto? Come coordinarlo?

Le cose più belle nella vita non sono progettate nei minimi particolari. Sono sì desiderate, cercate, studiate e rincorse, ma mai previste in ogni aspetto. La creazione non è un processo a senso unico, bisogna restare aperti a stimoli, confronti e… imprevisti!

La lana. Io mi sarei scervellata ad Ida è bastato prendere le pagine gialle e cercare maglifici in zona. Ha composto numeri e non si è persa d’animo quando dall’altro capo del telefono la volevano congedare travisando lo scopo della chiamata. Ha spiegato con tutta la franchezza e l’entusiasmo di cui è capace, il nobile scopo della richiesta. Così da un “NO, GRAZIE” si passa a “Lei ha un camioncino?” e Ida di getto risponde che sì certo che ce l’ha e neanche lei in quel momento sa che non è vero, ma è questione di un attimo. Il tempo di chiudere la comunicazione e dire “E adesso come faccio?” che è già in pista per un nuovo capitolo. Nuovo problema, nuova soluzione, come in un domino pieno di fiducia fatto al contrario, le tessere si spingono per restare in piedi, non per cadere.

E sarà così per tutto. L’entusiasmo, la voglia di fare e di riuscire, faranno superare qualsiasi ostacolo. Pensare che in un modo o nell’altro si farà, credere nell’aiuto e nella collaborazione di tante persone sarà l’arma più potente di Ida, non ci sarà più nessuna paura invincibile.

Ci sono stati capitoli rocamboleschi in questa vicenda, come il viaggio delle etichette da Brescia a Parma. Ad ogni coperta è stata cucita un’etichetta che Viva Vittoria ha appositamente stampato per l’occasione.

IMG_4768

Gli ultimi giorni di lavoro febbrile hanno impedito di comunicare per tempo alle ragazze di Viva Vittoria il numero delle etichette necessarie, ma neanche Viva Vittoria si è mai persa d’animo e il giorno prima della manifestazione era previsto l’arrivo a Parma di una delle sue componenti con le preziose targhette. Avete presente quei film in cui dopo scene e scene di tensione si sta per arrivare a quella finale conclusiva? Ecco ancora una volta la realtà ha superato l’immaginazione. Un imprevisto poco “governabile” ha impedito al vettore di Viva Vittoria di partire per Parma, ma le etichette dovevano arrivare! Mancano poche ore all’inizio dell’evento ed ecco che la nostra eroina arriva trafelata alla stazione di Brescia (la città base di Viva Vittoria), cerca sul tabellone un treno in partenza per Parma, corre al binario indicato e dopo vari tentativi, che meriterebbero un racconto (comico) a parte, affida finalmente il prezioso pacchetto nelle sconosciute mani di un uomo in partenza per la nostra città, non prima di avergli spiegato il nobile scopo e avergli fatto vedere un selfie di chi avrebbe trovato ad attenderlo in stazione a Parma Leggi tutto “Viva Vittoria è Vita!”

Tè per due

Da ieri il Wi-Fi è in tutta la casa. Ho dovuto fare la voce grossa per questo, non ricordo se sono ricorsa al ricatto. Non solo. Ho detto anche che sono stanca, di una stanchezza immensa, di quelle che se non le argini si spandono come il latte che esce dal pentolino se non lo spegni all’ebollizione. Una stanchezza che, se non fai vedere i muscoli, penetra nelle cellule, scorre nel sangue, passa la barriera ematoencefalica, si impossessa del pensiero e lo paralizza. Ho pure aggiunto che essere di buon umore è una mia scelta di vita, non significa necessariamente che tutto mi vada bene. Si può iniziare la giornata con entusiasmo solo perché è un’altra giornata, anche se la notte non ha risolto i problemi del giorno precedente.

Non sopporto lamentarmi, fatico a sopportare chi si lamenta. La lamentela è vedere le cose da un solo punto di vista e non accetta confronto. C’è solo lei, ha bisogno di ripetersi di continuo per divenire certezza, perché lo sa benissimo che se accetta un confronto perde terreno e toglie sicurezza. Le cose non stanno così come le vedo? E adesso?

Parlare, confrontarsi, dire quello che si pensa. Certo non si può fare con tutti, solo con quelli che ci accolgono così come siamo, con le nostre contraddizioni ma anche con la nostra disarmante sincerità. Così non esce il lamento, ma quello che pesa sulla nostra anima. La condivisione ne cambia peso, ingombro e misura. Un amico che ti ascolta ti riporta in vita, ti impedisce di continuare a recitare in quel film che ti eri fatto in testa.

Quanto viviamo e quanto recitiamo a favore di quelli che ci stanno intorno? In un’epoca in cui tutto è filmato, tutto è fotografato, tutto è ritoccato e studiato in modo da apparire più bello e invidiabile, mostrarsi così come si è è quanto mai coraggioso.

Mostrare la propria imperfezione, poter dire non ce la faccio. Chiedere aiuto. C’è lusso più grande? Non penso.

Ho ancora tanto da mettere in ordine, anche nella mia testa. Conosco tante persone, alcune meglio di altre e tutte fanno il mio lavoro, cercano di vivere al meglio la vita anche quando questa ti mette alla prova.

E così ti trovi ad un aperitivo con una persona che non conosci a condividere un’esperienza che conosci bene nella speranza che sia vissuta meglio. In realtà quello che conta davvero è comunicare all’altro che non è solo. Non siamo soli, nemmeno quando siamo sicuri d’esserlo. La nostra esperienza è unica ma non è l’unica, è già stata vissuta in milioni di sfumature. Poterle condividere è come avere più colori a disposizione e trovo una vita a colori più eccitante di una in bianco e nero.

Basta anche un link condiviso per far svoltare una giornata. Un link di un sito che vende tessuti patchwork. Scontati. Irresistibilmente scontati. E dopo aver tirato le orecchie all’amica che non doveva mettervi in tentazione, la invitate perché no? a riempire il carrello insieme, anche se avete metà casa che è un disastro. Tra un taglio di tessuto e l’altro ci si racconta la vita, una magia che si rinnova spesso tra amiche che tagliano, cuciono, lavorano a maglia o all’uncinetto.

Va bene anche un tè, organizzato tra amiche preziose tutte appassionate di “creazione”. Creando si onora la parte migliore di noi, quella più vera e libera, quella che ci rende felici. Devo organizzarli più spesso questi patchwork tea, sono fonte di vita.

Anche un tè per due, anche se si è in tre e uno non beve il tè. Che poi non è vero, finisce sempre che beve dalla mia tazza. Arriva anche il mio cagnone, splendidamente imperfetto, nella sua incoscienza di esserlo

In giornate come questa è importante non stare troppo soli, preparare un tè per due è dare un segnale alla stanchezza. Non l’avrà vinta sul mio pensiero

E poi volete mettere la soddisfazione di appoggiare tazzine e teiera sui miei “esperimenti” patchwork?

E così si va avanti.