Mini tovagliette segnaposto dove appoggiare tazze, posate, pane… Come utilizzare ancora una volta i ritagli!

In cucina i piatti migliori mi vengono quando metto insieme quello che c’è. Il risultato sorprende anche me, con l’alibi di non potere seguire una ricetta alla lettera, cucino con  spontaneità e serenità. Utilizzare i ritagli di cucito è un po’ la stessa cosa, la sperimentazione è così spensierata che mi concedo ingenuità e imperfezioni, anzi a dire il vero le esalto.

Quest’estate mia figlia ha festeggiato il suo compleanno organizzando una cena informale sul terrazzo che c’è sul tetto. Su questo terrazzo non c’è nulla se non il cielo e ci siamo fatte qualche domanda su come potesse svolgersi una cena. Sono ragazzi giovani e adattabili, ma non avere tavolo e sedie poteva complicare un po’ la serata. Nella vecchia casa avevamo un camino, capitava d’inverno di appoggiare sul pavimento lì vicino un panno da picnic, sistemarcisi sopra e cenare col fuoco che scoppiettava. Per la cena sulla terrazza avremmo steso a terra le vecchie tovaglie, confezionato dei cuscini per la seduta e usato le stelle e delle candele per fare luce

cena in terrazza

occorreva però qualcosa che facesse da segnaposto, che potesse servire per appoggiare le posate intanto che si riempiva il piatto o per aiutare a riconoscere il bicchiere. Così sono nate, dai ritagli del tessuto che ho utilizzato per fare i cuscini e dagli avanzi di una vecchissima tovaglia, queste più che versatili mini tovagliette

 

 

mini tovagliette

 

Avevo veramente poco tempo, così ho fatto le federe dei cuscini con un tessuto jeans e con un ritaglio di tessuto da materasso, talmente vecchio che era ingiallito. Non ho rivoltato nulla, ho unito i pezzi cucendo direttamente sul dritto del tessuto, lasciando pochi centimetri di tessuto dopo il margine di cucitura. Dopo averli  tagliuzzati, ho lasciato che la lavatrice rifinisse il lavoro per me “creando” bellissime frange, in pratica ho sfruttato la tecnica dei Rag Quilt. Ho approfittato di tutte le rifiniture già presenti, come ad esempio la cimosa

 

Con gli avanzi e con la stessa tecnica ho fatto le tovagliette. Un pezzo di jeans, un ritaglio d’imbottitura, un altro pezzo di jeans, un rimasuglio della vecchia tovaglia appoggiato sopra e poi semplici cuciture dritte. Ho cucito il perimetro un paio di centimetri all’interno della tovaglietta, l’ho ripassato per essere sicura di averlo fermato bene, qualche taglietto e via in lavatrice per le frange. In un lato corto ho lasciato la cimosa, forse l’unica cosa “regolare” del manufatto:

mini tovagliette patchwork

Tutte diverse, perfette come segnaposto per i bicchieri, come tovagliolino per sostenere una tartina, un pezzo di focaccia, una fetta di torta e da riutilizzare all’infinito visto che entrano in lavatrice e non vanno sotto al ferro da stiro (qualità per me grandiose).

 

Ne ho fatte anche altre utilizzando i triangolini di scarto di un quilt, talmente piccoli che non avrei potuto utilizzarli per nulla

Ho preparato un mini sandwich mettendo un ritaglio d’imbottitura all’interno di un pezzo di stoffa (ancora un avanzo di lenzuola della Patti) che ho ripiegato

mini tovagliette

Ci ho appoggiato sopra i triangolini più o meno in fila

mini tovagliette

e li ho tenuti in posa adagiandoci sopra un pezzo di fliselina idrosolubile. Ho girato il lavoro e fatto la stessa cosa dall’altra parte, volevo una tovaglietta double face. Sono piccoline, stanno nel palmo di una mano, non è stato difficile girarle (rivoltare una frittata è più impegnativo) tutti i triangolini sono rimasti al loro posto:

La fliselina mi è servita per velocizzare il lavoro, non ho avuto bisogno di fermare i triangolini che non si sono spostati o piegati durante la cucitura. In questo caso ho accorciato di molto la lunghezza del punto e fatto cuciture molto fitte, le tovagliette devono resistere ai lavaggi e all’utilizzo. Potrebbero sfrangiarsi un po’ e va bene così, sono nate già volutamente imperfette, informali, ma non devono sfrangiarsi fino a “dissolversi”

IMG_1413.jpg

 

Le ho squadrate e per “rifinirle” ho semplicemente passato più volte il perimetro con la stessa cucitura fitta.

 

E poi sotto l’acqua che ha svelato i colori nascosti

 

E visto che questo tipo di magia mi ammalia sempre, via con un’altra!

mini tovagliette

 

Le utilizzo per non appoggiare le posate direttamente sul tavolo, per una tazzina da caffè nata senza piattino, per una tazza di tisana (sono tutte senza piattino), ma anche quando non utilizzo un piattino perchè non ce l’ho così piccolo…

mini tovagliette

 

mini tovagliette

 

 

 

mini tovagliette

 

mini tovagliette

Dovrò fare quanto prima anche una tovaglietta per la ciotola del mio cagnone…

Come fare nastri da pacchi e pacchetti eco-friendly

È un’altra storia di libertà dove vale tutto, dove più i ritagli sono ritagli, meglio lavorerete e dove più amiche patchwork avete, meglio sarà . Eh sì, perché le amiche patchwork sono tutte speciali e qualcuna (la Patti) condividerà con voi qualche pezzo di tessuto da biancheria, avanzi di lenzuola. Basterà un taglietto sulla stoffa e tirare con le mani per avere il vostro nastro da impreziosire con gli avanzi patchwork. Anche in questo caso non butterete niente, la striscia di stoffa appena ottenuta sarà leggermente sfilacciata, potrete sfilacciarla ulteriormente, ma comunque terrete da parte i fili estratti, potrete utilizzare anche quelli. Benissimo anche qualche centimetro di pizzo, un disco di tulle da confetti, un pezzo di cimosa, ma anche un giornale, riviste, l’incarto del vostro chewing gum…

Nastro da pacchi

nastro da paccho

nastro da pacchi

nastro da pacchi

 

La carta la taglierete a pezzettini, i fili li attorciglierete, strisce millimetriche di tessuto le girerete attorno ad un dito per fare anelli, palline, fiori rudimentali e… cucirete tutto! Ho lasciato la macchina da cucire infilata di nero, non mi spiaceva avere ulteriore contrasto, ma può essere l’occasione per utilizzare spolette che non riuscireste ad usare altrimenti

Nastro da pacchi

Sotto l’ago che cuce un semplicissimo punto dritto potete infilare qualsiasi tipo di ritaglio, tagliandolo ulteriormente . Potete abbinare i colori e fare attenzione alle forme, ma anche no.

 

nastro da pacchi

 

837F386C-AA33-4110-8A2A-9396B00ED817

 

Si cuciono in sequenza anche strisce di stoffa che non avete avuto cuore di buttare quando avete preparato i quilt per il binding, i bordi di rifinitura andranno benissimo anche se di diverse ampiezze. Li unite semplicemente sovrapponendo i ritagli, aggiungendo sopra altri ritagli 😉

nastro da pacchi patchwork

Ne usciranno nastri insospettabili, sorprendenti, coloratissimi, imprevedibili e pieni di vita, e pensare che erano solo ritagli da buttare…

nastri di stoffa

Nastri di stoffa

Nastri di stoffa

 

Se volete fare un pacchetto “classico” ma eco compatibile, riutilizzerete un quotidiano

pacchetto regalo eco friendly

pacchetto regalo eco friendly

pacchetto regalo eco friendly

Ma potete anche omettere la carta, il nastro è talmente sorprendente di per sè che la mancanza della carta non si noterà

nastro da regalo

 

Per i libri e/o riviste (tra i miei regali preferiti), potete “impacchettare” col nastro, ma anche fare in modo che il nastro lasci a sorpresa intravedere il titolo

pacco eco friendly

pacco eco friendly

pacco eco friendly

Pacco eco friendly

14F68F56-9017-4D08-A15B-66153DDE6608

 

E perché no, potrebbero essere già questi incredibili nastri un regalo da fare!

nastri da pacco eco friendly

 

 

 

 

 

Free Motion quilting, magico reset per una mente stanca e travagliata

Finalmente la settimana di Ferragosto. Sono stanca e anche tanto. Se dovessi fare un elenco di cosa, scriverei quello che scrivereste tutte, ne sono certa. Quando si corre troppo si perde la connessione con noi stessi. Ho bisogno di pace, di poter seguire solo i miei ritmi, di non dover rispettare obblighi e orari, ho voglia di fermarmi. Questo nel mondo immaginario dei sogni. In quello reale so che è giunto il momento di esprimere in modo chiaro e inequivocabile i miei bisogni: fate finta che non ci sia, almeno per qualche ora al giorno. C’è da fare la spesa? Aprite il frigo e chiedete a lui. Dov’è quella cosa? Cercatela finché non la trovate o fatene a meno, io non ci sono, non chiedete a me. Ho pulito tutta la casa, cambiato i letti, lavato e stirato fino a vedere il fondo della cesta della biancheria (evento piuttosto raro), per qualche giorno si dovrebbe sopravvivere. Io e il mio cagnone entriamo nel magico mondo del Free Motion (il cagnone ci entra per proprietà transitiva, essendo sempre tra i piedi capita talvolta che debba spostarlo dal pedale della macchina da cucire).

Quando ho iniziato a fare Patchwork non ne sapevo proprio nulla, non avevo amiche appassionate di quest’arte, era tutto facile o difficile allo stesso modo, non avevo preconcetti. Avere come insegnante Jole Dinnella mi ha dato una marcia in più “Non abbiate paura di usare i tessuti belli, non teneteli in un cassetto!” (si sarà mica accorta che ho tagliato un vecchio lenzuolo per questo progetto?) e “Non aspettate di aver risolto tutti i problemi, partite, le soluzioni arriveranno intanto che lavorate!” (come fa a sapere che mi sto scervellando da giorni per questa tovaglietta senza aver neanche sfiorato la stoffa con un dito?) sono stati sproni che ancora oggi mi tirano fuori da situazioni di défaillance. Le belle stoffine inutilizzate si rattristano al buio dell’armadio, rischiano di sopravvivermi e chissà che fine farebbero dopo… Ogni mio progetto è pensato, studiato e messo nero su bianco, ma è vero, devo accettare il fatto che non posso prevedere tutto, quello che ho in mente spesso non “veste” la realtà come avrei immaginato. Affronterò con fiducia quello che mi si presenterà, sempre meglio che restare fermi al punto di partenza.

Nei primi mesi della mia avventura Patchwork ho fatto indigestione di video a tema su YouTube. Mi incuriosivano quelli sul Free Motion, mai viste macchine da cucire cucire in quel modo. Era difficile? Secondo Patsy Thompson no, anzi era very very funny, occorreva solo tanta pratica. I suoi tutorial Free motion quilting-Patsy Thompson , sono magistrali, niente è lasciato al caso. La musica di apertura è quella delle fiabe, quella di chiusura è rasserenante come solo il Canon in D di Johan Pachelbel può essere. Al terzo tutorial Patsy sempre sorridente e rassicurante, dopo aver spiegato come preparare la macchina da cucire e i tre strati del quilt, vi fa finalmente iniziare. Una raccomandazione però, e qui il tono si fa serio: RILASSATEVI, è davvero importante. Consiglia un po’ di musica e… un bicchiere di buon rosso (farà cin cin con la bottiglia, stupendo!). A questo punto ero più che convinta di tentare con il Free Motion, faceva per me 😉

Patsy Thompson Free Motion Quilting

Quando ho portato il mio primo lavoro di Free Motion al corso di Patchwork, ero un po’ titubante a mostrarlo, era più che imperfetto, temevo le critiche. Lo stupore delle mie compagne mi colpì, perchè sgranavano tanto gli occhi su quei punti così incerti? Non sapevo nemmeno io quello che avevo fatto, parafrasando un famoso detto  “Nessuno osa il Free motion finché non arriva uno sprovveduto che non lo sa e lo fa”. Jole ci aveva fatto fare dei blocchi per imparare un po’ di tecniche, io li avevo messi insieme e in modo un po’ rudimentale avevo fatto il mio sandwich da trapuntare con il Free Motion:

Simpatchwork

Simpatchwork
Ho optato per l’acqua che mi sembrava la scelta migliore per una mano ferma…

IMG_0374.jpg

Simpatchwork

Dopo questo primo “inconsapevole” Free Motion ne ho fatti altri, attrezzandomi con tutto quello che nei video sembrava indispensabile, colla spray, piano per macchina da cucire, guanti, etc. Più aumentavano le dimensioni del top e la sua lavorazione, maggiore era la mia paura. Mi sorprende ancora quanto cambia il top prima e dopo il trapunto di qualsiasi tipo, date ancora un’occhiata alle foto del piccolo quilt rosa, non sembra anche a voi? Ci mettete ore e ore a cucire un top, quando l’avete finito lo conoscete neanche fosse un bambino. Passarlo sotto la macchina da cucire per la trapuntatura è come perdersi la sua adolescenza e ritrovarlo di colpo adulto, non so se mi abituerò mai.

C’è solo un unico lacerante dubbio prima di ogni trapunto a Free Motion:

E SE ROVINO IL TOP?

Possibile, possibile. Meglio non valutare neanche le probabilità. Però valutiamo insieme le conseguenze del non farlo:

  • Il top resterà nell’armadio per un tempo indefinito, forse vi sopravviverà e allora che ne sarà di lui? Mi basta sempre questo primo punto per decidermi, se ve ne vengono in mente altri, scrivetemi.

E poi cosa vuol dire “E se rovino il top?”. Al massimo non sarà quello che mi ero immaginata, avrà una sua personalità, magari anche molto forte, ma sua, anzi mia, solo mia. Ed è qui la chiave di tutto. Il Free Motion è stato il mio primo traghettatore verso un mondo più umano, dove mi sono finalmente permessa l’imperfezione, l’improvvisazione, il gioco. Come dice Patsy Thompson è very very funny davvero, basta lasciarsi andare, lasciare andare. Ecco la lista delle cose da lasciare andare:

  • Lasciate andare il giudizio vostro e altrui. Farete un barile di errori, alcuni inguardabili, non lo sopporterete. Con grande stupore però, a distanza di qualche ora o giorno, non riuscirete nemmeno più a trovarli quegli errori terribili in quel mare di punti, ma dove sono finiti? Per quel che riguarda gli altri, ci sarà sicuramente qualcuna, anzi parecchie, più brave di voi. E’ buona cosa, potrete continuare ad imparare e così non annoiarvi mai. Ci saranno anche tanti, tantissimi top ben ripiegati nel buio degli armadi altrui, se le critiche arriveranno da lì…
  • Lasciate andare il tempo. Quando iniziate questo lavoro le lancette si fermeranno, ci sarà un momento in cui il vostro cane, i vostri familiari vi osserveranno tutti insieme anche se a debita distanza. Saprete così che è ora di pranzo/cena.
  • Lasciate che i vostri pensieri seguano i punti e perdano il filo. Vi ritrovate dopo brevissimo tempo con la testa leggera come un palloncino, come quando giocavate in cortile e pensavate che la testa non servisse ad altro.
  • Annullate la suoneria del cellulare. Siete in una bolla spazio-temporale, in missione sulla luna o al centro della terra, l’unica cosa che dovete contattare siete voi stesse.
  • Lasciate perdere tutte le declinazioni del verbo dovere, il Free Motion è potere. Potete fare tutto quello che volete, avanti, indietro, cerchi, virgole, incroci e sorpassi, neanche al Luna Park…
  • Lasciate che sia. Per una volta, almeno per una volta. Qualsiasi cosa succederà il giorno dopo vi sveglierete ugualmente, farete colazione, vi laverete i denti e così via. I vostri cari saranno accanto a voi, il cagnone scodinzolerà. E se così non sarà, non sarà certo colpa del top che avrete quiltato a Free motion.
  • Lasciate andare “domani”. Partite con il vostro lavoro oggi, adesso, subito, non c’è un domani. Domani è un’invenzione della nostra testa che ha paura, infilate la macchina da cucire e fatelo, ora.

Ed ecco svelato come il Free Motion può essere un ottimo reset per una mente sfinita.

Alla fine non butterete proprio niente, qualsiasi cosa verrà fuori sarà un prodigio.

A proposito del non buttare niente, nel prossimo post vi mostrerò cosa ho fatto con i ritagli, proprio molto ritagli, di uno dei miei quilt, questo per la precisione:

Free motion quilting

Simpatchwork

e qualche striscia di tessuto da lenzuola…

E ora vado a tirare fuori dall’armadio quel top così ben ripiegato, a presto!