Farò del mio meglio

Quando apro il blog mi compare una scritta: “Inizia a scrivere…”. Il mio blog lo sa, ho mille cose da dire e non so da dove partire. E come sempre la via migliore per fare una cosa è iniziare a farla, se si aspetta di essere pronti, il rischio di restare immobili per un tempo interminabile o per sempre è grandissimo.

Di Coronavirus non parlerei se non per dirvi di seguire le indicazioni istituzionali di comportamento, in questo caso ognuno di noi può fare davvero la differenza. Attenzione alle bufale che girano su Whatsapp, Facebook, etc. ci sono persone che si divertono in modo insensato o speculano sulla buona fede degli altri. Ricevo richieste assurde in farmacia, se non riuscite a chiamare il vostro medico, contattate il vostro farmacista che saprà darvi indicazioni sul da farsi.

Eccone alcune:

Non possiamo scegliere quello che ci capita, i casi della vita sono assolutamente ciechi e democratici, non fanno distinzione di classe sociale, patologie pregresse, in corso o di età. Capitano a chi capitano senza una giustizia predefinita. Così è, non accettarlo non muterà il corso delle cose, ma ci priverà di energia indispensabile per affrontare la giornata. Non possiamo scegliere quello che capita, ma POSSIAMO SCEGLIERE COME PRENDERLO. Avete idea del potere immenso di questa cosa?

Uno psichiatra,Viktor Frankl, scampò alla morte dopo essere stato prigioniero in quattro campi di concentramento nazisti. Fu più volte sul punto di morire, morirono tutte le persone a lui più care. Conobbe la disperazione ma anche la libertà più grande, nudo in cella senza avere la certezza del domani, senza possedere più nulla, capì che l’unica certezza non era quella dell’avere ma dell’essere. L’uomo “decide sempre ciò che è”. Gli si poteva togliere tutto, ma non il suo pensiero.

“Tutto può essere tolto ad un uomo a eccezione di una cosa, l’ultima delle libertà umane: poter scegliere il proprio atteggiamento in ogni determinata situazione , anche per pochi secondi”.

Diamoci un pizzicotto ogni volta che ci lamentiamo. Lamentarsi non serve a niente, non cambia niente. Il pizzicotto servirà a “svegliarci”, a ricordare che dobbiamo agire per cambiare quello che non ci piace. Sarà utile sforzarci di pensare fuori dagli schemi, se voglio fare una passeggiata e non posso, non inizierò a fare la conta di tutte le cose che non posso fare, inizierò ad escogitare qualcosa con quello che ho a disposizione. Voglio fare del moto? Un po’ di pulizie in casa, seguo una lezione di yoga on line (ce ne sono alcune gratuite molto ben fatte su you tube), ginnastica sul terrazzo se l’avete o aprite la finestra che ora le giornate sono belle e senza inquinamento. Si può anche impastare, cucire, ma anche leggere, si mette in moto la testa e la fantasia, importantissime.

Ricordatevi anche che non siete al governo e che non ci sono elezioni imminenti, non è utile dire “bisognava fare/non bisognava fare”. Cercate di allargare lo sguardo oltre il vostro orto. L’acqua con cui innaffiate il vostro arriverà anche al vicino, fate in modo che sia pulita, non inquinatela con pensieri inutili.

Sfogarsi è un bene! C’è differenza tra sfogarsi e lamentarsi. Il lamento tende a pervadere la quotidianità, lo sfogo è aprire una diga per far uscire l’acqua in eccesso, prima che faccia danni. Fate uscire e date voce ai vostri pensieri, già così si ridimensioneranno. Non solo, vi sorprenderà scoprire che non siano solo vostri, siete “normali”! E già questo basta a stare meglio. Sfogarsi è lasciar uscire quello che non ci serve a risolvere una situazione per lasciare spazio all’aria. Respirate lentamente e a pieni polmoni, trattenete un po’ il respiro prima di buttarlo fuori a bocca aperta, rumorosamente. Immaginate l’aria che entra dal naso passa nel vostro cervello, spazza via tutto, arriva nei polmoni dove cede ossigeno vitale e si prende le scorie, trattenete tutto per qualche secondo in modo da non scordare niente e poi fuori tutto! Devo sentire da qui il rumore di quello che esce e mi sembra già di vedervi vuoti come un nuovo appartamento in cui si è appena traslocato, la testa libera e leggera, i polmoni elastici e felici di portare vita.

Respirate, ricordatevi di respirare, fermatevi a respirare. Siate consapevoli del vostro respiro, anche di uno solo. Domani ne aggiungerete un altro e un altro ancora, e la pace non sarà più un lontano ricordo.

Che ci crediate o no, siamo tutti collegati a tutto. Che sia stato il Big Bang, il Creatore, il brodo primordiale, o quello che ancora non sappiamo, abbiamo tutti la stessa origine, siamo fatti tutti degli stessi atomi. Gli elettroni negli atomi non stanno fermi, anzi si muovono talmente velocemente che è quasi impossibile vederli. C’è energia vitale in ogni essere, una vibrazione che è comune a tutti. Alimentiamola in positivo. L’oceano è fatto di singole gocce, apparentemente innocue ma con un potere immenso. Ricordatevi sempre di questo potere e fatene buon uso.

Ultimo, ma non meno importante, se avete un animale ispiratevi ad esso. Sembrano impermeabili a tutte le angosce che attanagliano noi esseri umani. Sono convinta che sentano tutto, ma che abbiano conservato una sorta di saggezza primitiva del tipo “si fa con quello che c’è, momento per momento”. Sono davvero tanto grata al mio cagnone, non so se vi ho mai detto il suo nome. Si chiamava Rima, un nome che le aveva dato il suo padrone. L’ho adottata che aveva dieci anni, non è mai stata vecchia, nemmeno nei suoi ultimi giorni. Aveva uno spirito vitale invidiabile e faceva con quello che c’era. Se camminava lenta non era perché era vecchia, ma perché le veniva bene così. L’ho accompagnata ad una nuova vita pochi giorni fa, avrebbe compiuto 17 anni il primo di Aprile. Non sto a raccontare le lacrime, non servono e sono un discorso tra me e lei, ma voglio dirvi l’immensa gratitudine che ho e avrò sempre per lei. È tale e tanta che ha sovrastato e sovrasta il dolore per la sua perdita. In realtà non l’ho più attaccata ai piedi, ma ce l’ho ben salda nel cuore e mi dà una forza e una pace che mai avrei pensato. Grazie amica preziosa e insostituibile, sono debitrice col resto del mondo, farò del mio meglio 😘

5 pensieri riguardo “Farò del mio meglio”

  1. Non faccio commenti su quanto hai scritto a proposito della tragica situazione che stiamo vivendo: non servono e concordo con te. Ti esprimo invece il mio affetto per la perdita della tua amata bestiola: queste creaturine sono “anime semplici” con la grande capacità di rendere diverso ogni giorno della nostra vita. Un abbraccio

  2. Cara Simo ,amica mia,non so come ho fatto a non vedere questo articolo😱, ma stamattina mentre i miei due ospiti( Lino ed Alle) dormono ,mi sono gustata le tue parole ,come sempre molto sagge.Hai ragione non serve lamentarsi,ma sfogarsi si,libera l’anima….io però un po’ mi lamento😀anche perché le pulizie primaverili non mi gratificano troppo😜.
    Tutti cerchiamo di sopravvivere alle perdite per noi si tratta della “ libertà “ ,per te si aggiunge anche un grande affetto …la Rima che ,attraverso le tue parole ,avevamo imparato ad amare .Ti penso sempre con grande affetto e rimpianto .Lucy

Rispondi a Simonetta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.