Viva Vittoria è Vita!

Eh sì, e con la V maiuscola. Volete sapere com’è andata a finire l’opera relazionale condivisa realizzata a Parma lo scorso Novembre? Centinaia di quadrotti a maglia e uncinetto hanno ricoperto la piazza storica della città, ore di lavoro instancabile di tante, tantissime persone per raggiungere un traguardo che fosse condivisibile con tutti. La manifestazione ha avuto un tale successo che già nel pomeriggio della prima giornata non restava nulla, ma proprio più nulla da vendere.

E’ ancora sorprendente per me come sia potuto succedere. Tutto nasce da un’idea di Ida Chiapponi, una delle due nuove referenti di Quilt Italia per l’Emilia Romagna. Ida aveva già ammirato un’installazione di Viva Vittoria, collegarla alla nuova associazione de La Doppia Elica che aveva bisogno di aiuto le era venuto naturale. Le ragazze di Viva Vittoria hanno condiviso con lei la loro preziosa esperienza, la generosa ospitalità di un’iscritta a La Doppia Elica ha permesso di creare un punto d’incontro centrale alla città. E poi? Come trovare la lana? Come far conoscere il progetto? Come coordinarlo?

Le cose più belle nella vita non sono progettate nei minimi particolari. Sono sì desiderate, cercate, studiate e rincorse, ma mai previste in ogni aspetto. La creazione non è un processo a senso unico, bisogna restare aperti a stimoli, confronti e… imprevisti!

La lana. Io mi sarei scervellata ad Ida è bastato prendere le pagine gialle e cercare maglifici in zona. Ha composto numeri e non si è persa d’animo quando dall’altro capo del telefono la volevano congedare travisando lo scopo della chiamata. Ha spiegato con tutta la franchezza e l’entusiasmo di cui è capace, il nobile scopo della richiesta. Così da un “NO, GRAZIE” si passa a “Lei ha un camioncino?” e Ida di getto risponde che sì certo che ce l’ha e neanche lei in quel momento sa che non è vero, ma è questione di un attimo. Il tempo di chiudere la comunicazione e dire “E adesso come faccio?” che è già in pista per un nuovo capitolo. Nuovo problema, nuova soluzione, come in un domino pieno di fiducia fatto al contrario, le tessere si spingono per restare in piedi, non per cadere.

E sarà così per tutto. L’entusiasmo, la voglia di fare e di riuscire, faranno superare qualsiasi ostacolo. Pensare che in un modo o nell’altro si farà, credere nell’aiuto e nella collaborazione di tante persone sarà l’arma più potente di Ida, non ci sarà più nessuna paura invincibile.

Ci sono stati capitoli rocamboleschi in questa vicenda, come il viaggio delle etichette da Brescia a Parma. Ad ogni coperta è stata cucita un’etichetta che Viva Vittoria ha appositamente stampato per l’occasione.

IMG_4768

Gli ultimi giorni di lavoro febbrile hanno impedito di comunicare per tempo alle ragazze di Viva Vittoria il numero delle etichette necessarie, ma neanche Viva Vittoria si è mai persa d’animo e il giorno prima della manifestazione era previsto l’arrivo a Parma di una delle sue componenti con le preziose targhette. Avete presente quei film in cui dopo scene e scene di tensione si sta per arrivare a quella finale conclusiva? Ecco ancora una volta la realtà ha superato l’immaginazione. Un imprevisto poco “governabile” ha impedito al vettore di Viva Vittoria di partire per Parma, ma le etichette dovevano arrivare! Mancano poche ore all’inizio dell’evento ed ecco che la nostra eroina arriva trafelata alla stazione di Brescia (la città base di Viva Vittoria), cerca sul tabellone un treno in partenza per Parma, corre al binario indicato e dopo vari tentativi, che meriterebbero un racconto (comico) a parte, affida finalmente il prezioso pacchetto nelle sconosciute mani di un uomo in partenza per la nostra città, non prima di avergli spiegato il nobile scopo e avergli fatto vedere un selfie di chi avrebbe trovato ad attenderlo in stazione a Parma Leggi tutto “Viva Vittoria è Vita!”

Trasloco, cambio casa e…?

Traslocato. E da allora sono senza wi-fi. Come dire: sono in una bolla temporale anomala, sono fuori dal mondo. I miei figli hanno resistito qualche settimana poi hanno cambiato gestore telefonico, era imperativo avere più Giga da condividere col pc per navigare fino allo sfinimento, per non perdersi neanche una foto/storia di Instagram, per guardare un film o finire l’ennesima serie su Netflix. Io ho ancora qualche cartone da aprire, sono ancora in modalità “sopravvivenza”. Potrebbe essere questa la principale giustificazione di tanto silenzio, alcune di voi mi hanno dolcemente rimproverato per non aver pubblicato più niente.

E ne avevo di cose da dire…

Viva Vittoria e La Doppia Elica hanno creato un’incredibile quantità di energia che non vuole fermarsi, ed è giusto così, non deve arrestarsi. Al di là della ragguardevole cifra raccolta (35 mila euro), hanno messo in contatto e comunicazione individui con tanta voglia di fare, di cambiare. Senza limiti di età, dalle elementari a pimpanti signore di 94 anni, sono tante le persone che finito l’evento a Parma avevano voglia di fare ancora, di stare in compagnia in modo creativo, costruttivo. Viva Vittoria ha un’anima, e come tale entra nel cuore di chi la incontra. Fondamentale è cambiare il modo di vedere, di percepire la realtà dell’essere donna, è comunicare che esiste altro, rendere possibile una scelta, un’identità consapevole. In quell’incredibile giornata, iniziata nel buio che precede l’alba, ho riso e pianto di commozione. Le volontarie della Doppia Elica con la loro inesauribile forza, hanno abbattuto ogni ostacolo con disinvoltura. La vita ha insegnato loro che dalle avversità si può risorgere, più forti di prima. La gente accorsa numerosa è stata curiosa e generosa di storie, di gioia e di dolore da condividere con semplicità, con onestà.

Il trasloco. È una cosa molto più intima di quello che credessi. Si trova la vita passata che si impacchetta intanto che si mette in stand by quella presente, nella speranza che quella futura sia migliore. Una cosa quanto mai irrazionale a vederla così.

Così si elimina il più possibile della vita passata, in modo da non avere zavorra in quella futura, ma in tutto questo non rimane comunque tempo per quella presente. Ancora non va.

Allora, si cerca di vivere alla giornata, non pensando troppo al futuro e guardando al passato con un certo distacco.

Tutto questo per dire che un giorno potevo metterci anche 10 minuti per decidere se tenere un libro oppure no e il giorno dopo in 5 minuti buttavo 10 anni di ricordi conservati in un cassetto. Il giorno dopo ancora non sapevo che fare, come se il mio futuro potesse dipendere dal libro che avevo tenuto e dalla lettera che avevo scartato. Meno male che il tempo passa e viene il momento in cui negli scatoloni viene messo tutto quello che passa sotto le mani, senza se e senza ma, l’importante è non avere più niente sotto gli occhi e lasciare il vecchio per il nuovo. Non valgono più le domande che vi hanno tormentato fin qui e che vi hanno tolto il sonno, non si torna più indietro, è ora di cambiare. C’è tanta voglia di cambiare e allo stesso tempo tanta paura. Tanto impegno per cambiare e tante cose che non cambiano.

È come se fosse un’interminabile veglione di capodanno, i buoni propositi e il nuovo che verrà ci renderanno diversi, migliori. Forse. Perché è quello che speriamo tutti gli anni, ma l’anno dopo capita che ci troviamo gli stessi dell’anno prima, con un anno in più.

La nuova casa mi aiuterà a cambiare? Quanto influisce l’ambiente nella vita di una persona? Cambiare è per me sinonimo di vita, un’evoluzione indispensabile per poter abbracciare l’orizzonte con lo sguardo.

E dove sono ora vedo finalmente il cielo. Davvero. Ed è incredibilmente bello.

Viva Vittoria, La Doppia Elica e l’incredibile forza delle donne

Come avevo già anticipato in un precedente post http://simpatchwork.com/viva-vittoria-la-lana-e-la-doppia-elica/ il dieci e l’undici novembre 2018 Piazza Duomo a Parma sarà ricoperta con un’immensa e coloratissima coperta di lana.

Viva Vittoria, un’associazione che si prefigge di aiutare le donne a divenire consapevoli del proprio valore e quindi artefici della propria vita, e La Doppia Elica, onlus che unisce in una grande famiglia donne in cui è presente la mutazione del gene BCRA responsabile di neoplasie della mammella e dell’ovaio, sono fianco a fianco in questo progetto pieno di vita.

Chi decide della mia vita? È la domanda che Viva Vittoria vuole porre ad ognuna di noi, la risposta proteggerà le donne dalla violenza, Viva Vittoria è nata per questo.

Chi decide della mia vita? È la domanda di svolta anche delle donne che subiscono interventi che cambiano radicalmente la propria vita, la propria femminilità. Anche in questo caso la risposta sarà la chiave per non essere vittima, ma artefice attiva di una vita vissuta in tutta la sua pienezza.

Sono percorsi di consapevolezza delicati e fondamentali, ognuna di noi può fare la differenza in questo. Lavorare a maglia o all’uncinetto anche un solo quadrato di 50×50 cm è il battito d’ali della farfalla che provocherà un uragano. Un fatto che può sembrare insignificante nell’economia di un sistema, può invece innescare azioni a catena capaci di cambiare qualcosa nel mondo. Eh si, è ora di pensare in grande. È stata l’occasione per chiamare quell’amica, anzi quelle amiche che non si sentivano da tempo e organizzare una cena, un incontro al bar, un appuntamento ai giardini pubblici. Telefonare alla nonna, alla zia, suonare alla vicina e cercare la sua collaborazione in questa epica impresa.

Questa opera relazionale condivisa è stata creata da Viva Vittoria per permettere alle persone di incontrarsi e realizzare un’attivita sociale dai molteplici benefici. Lavorare la lana è terapeutico, stimola l’attività cerebrale, mantiene agili le mani, aumenta l’autostima (ma ve la ricordate la prima sciarpa a punto legaccio o la prima catenella ad uncinetto?), riduce lo stress al pari della meditazione. Non solo, aderire a questo progetto ha permesso di fare tante chiacchiere, conoscere belle persone, fermarsi un attimo, rendere il sorriso a chi è in difficoltà.

Sono stati giorni di grande lavoro. Le volontarie de La Doppia Elica instancabili, ma sempre piene di risorse. Le donne, ma anche gli uomini e i bambini che hanno risposto all’appello, hanno prodotto veri e propri capolavori. Ci sono storie di passione e coraggio, lacrime ma anche tante risate. Volete un assaggio?

Ines, simpaticissima signora di appena 80 anni, ha fatto 50 quadrotti di straordinaria bellezza :

La dolce Jole che ha già superato i 90 da qualche anno, ha lavorato a maglia in modo impeccabile, con l’eleganza che le è propria:

e vi invito a visitare la pagina Facebook di VivaVittoria Parma, troverete una classe di bambini sorridenti e orgogliosi del cuore fatto di pompon rossi applicato sopra al quadrotto, ragazze, signore, nonne, signori con la barba… tutte persone che hanno accolto questo invito e si sono lasciati andare in un’ abilità sconosciuta o da troppo tempo dimenticata.

Nel punto di raccolta di via Bixio ci sono montagne di quadrotti che vengono  etichettati e cuciti quattro a quattro con un filo rosso per formare le coperte da un metro quadro che verranno messe all’asta. Il ricavato servirà ad acquistare macchinari per la prevenzione e sorveglianza del rischio familiare o ereditario delle neoplasie. Il battito d’ali di ognuna di voi sarà l’uragano che permetterà a La Doppia Elica di spazzare le nuvole dal cielo, allontanare la paura e permettere a tante donne di rinascere, di vedere un nuovo orizzonte, di avere un’altra vita.

La mitica Ida sceglie i quattro quadrati da cucire insieme seguendo un criterio estetico e uno puramente umano: non si lascia indietro nessuno, tutti hanno un valore, una storia da raccontare.

Così sono affiancate lane e cotoni di ogni colore lavorate da mani diverse, alcune un po’ impacciate e altre di un’ abilità che meriterebbe un inchino. La meraviglia di punti complessi e difficili è affiancata da punti sghembi, incerti e non proprio ortodossi di chi ci ha messo tutto l’amore e la voglia di farcela che poteva. La determinazione mi toglie il fiato tanto quanto la maestria, sarà che sono figlie della stessa madre, la passione. Per questo cucendoli insieme, non ho trovato quadrotti più belli di altri, ma solo capolavori d’amore di una meraviglia assoluta

e c’è pure chi ha riproposto il Log Cabin all’uncinetto!

Piccoli capolavori vicino a grandi opere, perché lavorare a maglia o all’uncinetto un quadrato di 50 x 50 cm non è affatto un’impresa semplice per chi è alle prime armi. Può essere comunque piacevole però:

IMG_4320

Era tutto squisito e le ragazze sono state bravissime. Paola ha lanciato un appello su un paio di gruppi WhatsApp e ha messo insieme un fantastico gruppo, eccola che mostra orgogliosa il frutto di quella stupenda serata trascorsa a casa sua:

IMG_4573

E’ un’opera che lascerà il segno, chi pensava di non essere capace, di non farcela più, di non avere tempo, di non essere interessato, ha lavorato punto su punto per partecipare a questa gigantesca opera vitale. Ha scoperto risorse, amici, creatività e voglia di fare, si è ritagliato uno spazio fuori dalla quotidianità, preziosissimo.

E quindi un bacio grande alla portentosa Ida, di indicibile forza e volontà, grazie per aver reso possibili questi giorni così carichi di sentimento. E per non esserti fermata mai, pur avendo attraversato giorni sommersi dalle lacrime del tuo cuore. La tua mamma è parte di quest’opera e un’opera di questo calibro è immortale.

 

Viva Vittoria, la lana e La Doppia Elica

Ferri e uncinetto pronti? Il progetto è grande, anzi grandioso. Talmente visionario e incredibile da essere vero. Non solo, sarà utile, più che utile, fondamentale. Fondamenta che sosterranno persone, intere famiglie, la comunità.

La Doppia Elica è un’associazione nata per la prevenzione e il supporto di pazienti a rischio di mutazione genetica BRCA. Le donne portatrici di mutazioni nei geni BRCA hanno un elevato rischio di sviluppare tumori al seno e all’ovaio. Volontari, medici e professionisti si affiancano nel sostenere le donne in questo difficile percorso. Una diagnosi di tumore ha un potere dirompente nella vita di una persona. All’ improvviso sembrano non esserci più certezze, l’orizzonte è confuso, la vita si arresta come un respiro trattenuto. L’apnea non si potrà prolungare all’infinito, impagabile sarà il lavoro che potranno fare volontari e professionisti.

È possibile rinascere persone nuove. La cicatrice sarà il primo mattone con cui edificare la nuova casa, diverrà un punto di forza, l’àncora per agganciarsi al momento presente. È un percorso difficile, è necessario aiuto. La paura colpirà non soltanto il malato, ma anche i suoi cari, gli amici. Qualcuno non riuscirà a sostenerla, ci si sentirà ancora più soli.

Viva Vittoria nasce con il proposito di fare qualcosa subito per fermare la violenza sulle donne. Il primo progetto riuscirà ad aggregare tantissime donne di ogni estrazione sociale, provenienza culturale, religiosa e politica, superando i confini di un paese, di una città, della nazione stessa. “CHI DECIDE DELLA MIA VITA?” è la domanda chiave per il cambiamento, ognuno di noi ha potere sulla direzione del proprio cammino, una comunità solidale può essere di grande sostegno e fonte di vitale energia in un momento così delicato.

Si incontrano così queste due associazioni, donne che percorrono lo stesso cammino per salvare tutto quello che di bello c’è nella vita: l’amore per la vita. Perché non si spiegherebbe altrimenti l’entusiasmo, la positività, la voglia di fare, di essere concreti, di non lasciare soli.

Viva Vittoria chiederà alle donne di essere artefici. Lavorando a maglia le donne saranno artefici di un incredibile progetto, ma anche del loro destino, potranno cambiare se stesse e la società. Nel marzo del 2015 nel corso del primo progetto, verrà chiesto di confezionare a maglia o all’uncinetto un quadrato delle dimensioni di 50 cm x 50 cm. Ogni quadrato verrà unito ad altri tre per formare delle coperte da 100 cm x 100 cm che serviranno per coprire la piazza di Brescia in una variopinta installazione, le coperte saranno disposte formando un enorme DNA

Viva Vittoria Brescia

La risposta a questo progetto, anzi a questa OPERA RELAZIONALE CONDIVISA, è impressionante. Saranno realizzati circa 20.000 quadrati 50×50, talmente tanti da poter  ricoprire la piazza con tre strati sovrapposti, saranno coinvolti 26 capoluoghi di provincia, ci saranno 96 centri di raccolta in Italia, 6 punti di raccolta all’estero, parteciperanno 30 città straniere, oltre 10.000 i visitatori dell’installazione. Cinque donne hanno reso possibile tutto questo e coordinato il lavoro di volontari. Sul territorio bresciano hanno partecipato attivamente istituti scolastici di ogni ordine e grado, residenze sanitarie assistenziali, comuni e assessorati, associazioni socio-culturali, centri antiviolenza, biblioteche, cooperative sociali, centri per anziani, oratori, istituti penitenziari, associazioni artistiche, universita della terza età. Le coperte, vedute per una cifra simbolica, hanno permesso di devolvere 77 mila euro ad una casa di accoglienza per mamme e bambini.

A Parma il 10 e l’11 novembre 2018 piazza Duomo sarà ricoperta di quadrati a maglia e all’uncinetto. Viva Vittoria ha gia reso possibili diverse installazioni:

AD42FA7B-84C8-4A4F-92B3-E50C5A4107CC

Ida, la quilter indomita, instancabile e inaffondabile di cui vi ho accennato nel precedente post, sta dirigendo il progetto parmigiano insieme alle altre componenti de La Doppia Elica e a Viva Vittoria. Hanno raccolto già chili e chili di lana, stanno bussando con delicata fermezza a tutte le porte, sono decise a sostenere la prevenzione e a finanziare l’acquisto di materiali diagnostici. Diffondono valori, creano nuovi tessuti relazionali, in una parola fanno il tifo per la vita.

C’è bisogno di tutte noi, esperte ma anche no. Sarà attivo un centro di raccolta a Parma in via Nino Bixio,9 dove delle volontarie saranno disponibili (a luglio la mattina, a settembre tutto il giorno) a farvi vedere come si doma un gomitolo, dove potrete portare/spedire i vostri manufatti ma anche confezionarli in compagnia.

Sarà l’occasione per andare a trovare la mamma, la nonna, la vicina, la vecchia maestra, la nipotina, sarà l’occasione per chiedere alla panettiera se sa lavorare a maglia, alla postina se le piace sferruzzare, alla signora con il cane che incontrate al parco se vuole imparare a usare l’uncinetto. Insomma potrete dire addio alla vostra timidezza e per una buona causa (cosa c’è di più importante della vita?) coinvolgere più persone possibili in questo grandioso progetto. Ci si potrà trovare tra amiche ma anche tra perfette sconosciute, passare fili di lana colorata tra le dita una accanto all’altra, avrà un effetto terapeutico incredibile, sarà balsamo per l’anima.

Parlatene, diffondete il link di questo post ( Viva Vittoria e La Doppia Elica ), sostenete La Doppia Elica in questo progetto che al solo pensiero fa nascere un sorriso, ma ve la immaginate piazza Duomo coperta di milioni di punti a maglia e all’uncinetto in un arcobaleno di colori? Scalda il cuore solo ad immaginarlo…

Viva Vittoria La Doppia Elica

Viva Vittoria La Doppia Elica

Infine grazie, grazie davvero a chi crede e rende tutto questo possibile, a chi permette ad una persona in difficoltà di potersi fermare, in un ambito protetto potersi chiedere “CHI DECIDE DELLA MIA VITA?”e poter raccogliere le forze necessarie per prendere in mano il timone e dirigersi avanti con fiducia.

 

Diritto alla privacy e… tirate fuori la lana!

Breve riassunto: un’amica manda su Whatsapp la foto di un quilt che ha magistralmente confezionato per un’amica. Il quilt è bellissimo, la quilter voleva che lo fosse ancor di più e indica per il suo manufatto un nome decisamente penalizzante. Non posso accettarlo. Breve risposta Whatsapp e, visto che mi ero ripromessa di andare a letto prima per sfruttare al meglio le giornate, un secondo prima di spegnere la luce prendo il tablet e inizio a scrivere. È stato il mio tormento per tanto tempo l’idea di non riuscire a fare niente alla perfezione, non riesco a resistere, ora che ho trovato la via d’uscita mi sembra di doverla indicare a tutti. Spegnerò la luce e il tablet all’una, ma sono felice. Ho detto quello che dovevo dire Perfetto! e ho dimostrato a me stessa ancora una volta che non sono perfetta (sigh!).

Sono stata attenta però a rispettare le basilari regole della privacy, niente nomi, niente foto senza liberatoria. Poi partono i commenti. Ma li leggete? Valgono da soli l’intero blog. Non sono ancora riuscita (confesso però di essermi applicata poco) a renderli visibili senza che ci dobbiate cliccare in cima, sono a sinistra in alto:

24B12A15-F467-4E35-B784-2A601320C9A5

La terribile Patti svela l’autrice del quilt ( Francesca! ), l’amica dice di chiamarsi Enrica e mi manda la foto del quilt già al suo posto sul muro della camera da letto. Non sono quindi perseguibile ai termini di legge, il quilt le appartiene e la foto l’ha inviata perché la pubblicassi entro sera. Mantengo quindi la parola:

C364AA5D-2DDE-4D98-80D8-C4D2C460FC9F

…con buona pace di Francesca.

Dovete tirare fuori la lana che avete in casa, ferri e/o uncinetto indifferente. C’è bisogno di tutte noi. Bene se siete un po’ esperte, benissimo se no lo siete, sarà una grandissima occasione per imparare e partecipare ad un evento straordinario. Un’altra quilter, un’anima indomita, instancabile e inaffondabile, una che sono certa all’occorrenza potrebbe domare un leone, si è detta un giorno una cosa del tipo “ ma intanto che penso, non varrà la pena di pensare in grande?”. E così ha fatto, dando origine a un progetto emozionante e davvero sensazionale. Succede quando si mette all’angolo la paura anche per un secondo, il tempo di credere che un sogno si possa avverare, si aprono porte che mai si era immaginato… ma adesso devo andare a fare la cena, ve lo racconto la prossima volta 😘

Grazie a tutte, siete incredibili!