Madame Simo. Trapuntando la mia vita A MANO!

Solo tre persone oltre a me sanno chi è Madame Simo. Non vi dirò certo chi sono, ma voglio parlarvi di Madame Simo, una povera giovane con due bimbi piccoli e un marito sempre via. Gliene capitavano di tutti i colori e in una di quelle giornate convulse che sono quotidianità di ogni mamma, decide di condividere la tragicomica realtà scrivendo una mail indirizzata a tre persone a lei vicine. Una sorta di blog preistorico ed esclusivo, da scrivere alla fine della stancante giornata giusto per sentirsi parte di un mondo più grande che non fosse fatto solo di pannolini, pianti, pappe, riunioni all’asilo, lavoro, lavo, stiro e spesa. Passato lo stupore e la timidezza i tre destinatari iniziano a rispondere mettendo in copia tutti gli altri, ognuno col suo stile, con la sua vita. Sono pagine di incredibile e assoluta ilarità, brevi e dense di quella follia che può prenderti solo quando sei ubriaco di stanchezza e lasci cadere ogni barriera.

Madame Simo ha traslocato di recente e si è ritrovata tra le mani quelle pagine che aveva stampato, un piccolo tesoro strappato alla memoria di quel computer che aveva smesso di funzionare. Ora sono nella sua nuova libreria e proprio lì vicino sta trapuntando A MANO (incredibile, non è da lei!) un quilt fatto con il primo top della sua avventura patchwork. Rimasto nell’armadio troppo tempo, ha deciso di riportarlo alla luce donandogli un’anima. Eh sì, perché quel primo top era perfetto, fatto con una precisione quasi maniacale, non una cucitura che sgarrasse di un millimetro. Forse era per quello che non aveva mai osato metterci le mani su, fare un top è un conto, confezionare un quilt è tutta un’altra storia. Ma Madame Simo ha bisogno che il tempo rallenti un po’, ci sono cose che non ha capito, cose che non sa se è il caso di capire, cose che non le interessa sapere, così ha preso ago e filo e punto dopo punto senza nessuna fretta cuce di nuovo la sua vita. E da quel primo impeccabile top sta nascendo un quilt di un calore incredibile, Madame Simo è pessima con ago e filo (è molto meglio con la macchina da cucire), ma è proprio per questo che il suo quilt sarà così bello, così sfacciatamente umano da essere più che perfetto, unico.

simpatchwork Madame Simo

E intanto che cuce pensa a come sarebbe oggi la mail di Madame Simo, allora divisa in piccole rubriche con diverse tematiche…

 

IL BOTANICO CURIOSO

Non capisco perché mi stanno morendo tutte le piante, alcune si sono molto offese per il trasloco, vabbè le ho anche un po’ trascurate, però non era il caso di prendersela tanto, anche per me è stato un periodo difficile. Ho comperato il concime ma non mi ricordo più dove l’ho messo e grazie al cielo è anche piovuto tanto. Insieme ad un libro che sto cercando da mesi devo aver perso anche il mio pollice verde. Sigh!

 

MAMMA E DONNA

Non mi ubbidisce più neanche il cane, talmente vecchio che è diventato sordo. I ragazzi fanno finta di ascoltarmi, mio marito mi fissa ma si vede benissimo che davanti gli sta scorrendo tutt’altro film, probabilmente una riunione in ufficio. Non metto più il fondotinta e non se ne è accorto nessuno. E questo è un grande bene, perché lo mettevo male, perdevo un sacco di tempo e in fondo non ha cambiato le cose. Bella o brutta ho lo stesso impatto, chissà quanto tempo perdo in altre cose inutili.

 

SALE E PEPERONCINO

Molto instabile il mio umore in cucina, come sempre riflette quello del mio animo. Ci sono giorni che non riesco quasi ad aprire il frigo e mi costa fatica tirare fuori dal sacco un bicchiere di croccantini per il mio cagnone ed altri dove cucino una giornata intera. Ho tanta voglia di normalità e con tanta più determinazione la rifuggo. Vorrei tanto anche per una sola giornata non dovermi preoccupare di mettere in tavola nessuno, neanche me stessa. Anzi no, a me ci penserei volentieri, partirei da un calice di bollicine…

 

LISTA DELLA SPESA

Si è rotto l’ascensore. Sono all’ultimo piano. Non sono riusciti a ripararlo. Riesco a vedere il frigo in tutta la sua fredda nudità. Stasera ho aperto una delle ultime scatolette di tonno. Devo pensare ad un menù letteralmente light per i prossimi giorni.

 

LA POSTA DEL CUORE

Cara Madame Simo,

ho recentemente notato che il mio cuore batte più forte e che non smetto di sognare un caldo abbraccio, sarà perché il mio cane ha un lieve imbarazzo intestinale che mi porta a fiondarmi giù dalle scale e correre ai giardini a tutte le ore, anche notturne, sotto la pioggia gelata con l’aria che profuma di neve? Vorrei tanto che fosse amore…

 

OROSCOPO DEL GIORNO

Oggi non ho fatto niente di quello che avrei dovuto. Le stelle prevedono quindi per domani una bella passata dei pavimenti, un incontro col ferro da stiro e quattro rampe di scale con la spesa. Non troverò parcheggio al lavoro e arriverò in ritardo perché se continuo a scrivere andrò a letto ad un’ora ignobile. Serata imprevedibile (non voglio rovinarmi la sorpresa).

 

Baci di notturno amarcord

Madame Simo