Inizia la scuola, mamma mi fai un nuovo astuccio?


Immaginate quanta tenerezza può fare una richiesta di questo tipo se ve la fa una ragazza, anzi una donna di 19 anni che sta preparando i bagagli per il trasloco in un’altra città dove inizierà a frequentare l’università. Aggiungete che è vostra figlia (anzi, solo fino a due minuti prima era la vostra bambina), che è domenica sera, siete stanche morte perché è stato un week end da delirio, sono le 19 passate e il resto della famiglia si aspetta anche una cena. Avvertite una stretta al cuore.

La prima cosa da fare è formare le coppie giuste: marito+cane, figlio+cena. La figlia è già in coppia con una mission impossible: sta cercando di fare entrare l’intero guardaroba primavera-estate-autunno-inverno in una valigia di medie dimensioni che dovrà riuscire ad issare autonomamente sul treno l’indomani. Se si considera che il marito ha terminato solo da qualche ora una gara di triathlon e non sente alcuna necessità di fare altri chilometri col cane, il figlio ha la fame e l’impazienza di un adolescente di 16 anni e la figlia ha aggiunto alla richiesta dell’astuccio anche un orlo ad un paio di jeans, un attimo di smarrimento viene. L’importante in questi casi è non farlo durare troppo a lungo, concentrarsi sull’essenziale e non perdersi in recriminazioni, it is what it is riporta la respirazione al giusto ritmo.

Si fa scegliere alla scolara la stoffa, proponendole il minimo delle combinazioni, vi vedete già chiaramente chine a trapuntare alle due di notte intanto che tutto il resto del mondo dorme. Filo, cerniera, ritagli di imbottitura, macchina da cucire oliata e… via! Ci vuole più tempo a decidere di farlo che farlo!

Tessuto per esterno astuccio pronto per essere trapuntato su leggera imbottitura sintetica:

Trapunto semplice a righe di diversa ampiezza

Già la cerniera? Eh si, a volte è più lungo pensarlo che farlo… Si sostituisce il piedino alla macchina da cucire, tessuto esterno e interno bianco a cuoricini dritto contro dritto e in mezzo un lato della cerniera, si tiene il tutto con qualche clip (in questo caso decisamente più comode degli spilli) e si cuce

Dritto contro dritto i tessuti trapuntati esterni, dritto contro dritto quelli interni, si mette l’altro lato della cerniera in mezzo alla metà  ancora da unire e si cuce

Si torna al piedino normale della macchina da cucire e si ribattono sul dritto le cuciture appena fatte

Si accoppiano di nuovo dritto contro dritto le due metà dell’interno e dell’estero dell’astuccio, questa volta tenendole separate tra loro

 

Si mettono clip e si cuce quasi tutto il perimetro dell’astuccio lasciando una piccola apertura in un lato della stoffa esterna, servirà per rivoltare il lavoro dopo aver tagliato la cerniera in eccesso. Attenzione, la cerniera deve essere aperta almeno in parte altrimenti non rivolterete un bel niente!

prima però una cucitura agli angoli per dare spessore al fondo della bustina

Si tagliano le orecchie appena cucite, si rivolta, si chiude con piccoli punti invisibili il fondo dell’astuccio lasciato aperto per rivoltare et voilà

Mi rendo conto che la sequenza è un po’ sbrigativa, ma era tardi, avevano fame, la valigia non si chiudeva e non potevo occupare il tavolo un secondo di più, ho appoggiato l’astuccio al mobile accanto per un ultima foto perché altrimenti ci avrebbero apparecchiato sopra.

L’ho guardato con amore, davvero tanto felice che mia figlia me l’abbia chiesto, con un sorriso al pensiero che serva per la scuola (chissà se fa effetto anche a lei il fatto di essere già così grande da andare all’università) e contenta di non essermi persa d’animo, alla fine non ci è voluto poi così tanto tempo… tanto che presto ne farò un altro, l’interno bianco non durerà molto!

3 pensieri riguardo “Inizia la scuola, mamma mi fai un nuovo astuccio?”

  1. La dolcezza di questo articolo è unica e profonda…leggo tanto amore anche nell’impegno dell’ultimo momento in mezzo alle mille cose che ti aspettano… e che rimarranno ad aspettarti comunque. Sei una grande mamma Simo! ❤

  2. Era mai possibile farle mancare un accompagnamento tuo in questo grande nuovo inizio?! E chiesto così all’ultimo per dare continuità a tanta condivisione quotidiana. Semplice e bello da portare in giro con orgoglio, evviva! Madre e figlia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.