Quilt on the go o “strada facendo”


Quando l’inquietudine portata da questa primavera si è fatta grande e difficile da sostenere, ho tirato fuori un pannello con 28 riquadri e un po’ di stoffe che ho tagliato a mano libera, lasciando da parte riga e regole. Ho trapuntato ogni pezzo di tessuto appena aggiunto, “strada facendo” come ha magistralmente tradotto Patti l’inglese “quilt as you go”.

Dopo aver tagliato l’imbottitura di cotone più larga delle dimensioni del blocco voluto, ne ho segnato i contorni con un pennarello ad acqua, in un altro lavoro ne avevo usato uno cancellabile che con la prima stirata è scomparso. Cerco sempre di non fare gli stessi errori e infatti non mi annoio mai, ne faccio sempre di nuovi 😁.

Adagiato il riquadro più o meno al centro  lo trapunto secondo l’ispirazione del momento. Non c’è bisogno di fissarlo con colla o altro, l’imbottitura è sufficientemente “prensile”

Cucio il primo pezzo di stoffa, dritto contro dritto

Lo rivolterò senza stirarlo (potevo usare il pennarello cancellabile) usando l’unghia del pollice per convincerlo alla nuova piega ( per chi se le mangia e non ha voglia di stirare ogni volta, la Clover produce l’Hera Marker che funziona egregiamente).
Trapunto a sentimento e proseguo aggiungendo anche pezzi di stoffa avanzati da altri blocchi

I tagli sono a volte più lunghi e così è facile facile

o più corti così che devo allinearli sulla riga di cucitura per vedere quanti me ne servono. Non occorre che siano della stessa altezza, metterò i più bassi dove ho meno superficie da coprire, dovrò invece allinearli lungo la linea di cucitura

Taglio l’eccedenza di tessuto rosa e proseguo su un altro lato

I ritagli non devono impensierire, è un lavoro scacciapensieri o no?, verranno riutilizzati fino all’ultimo pezzo e a fine lavoro il sacchetto degli scarti sarà dello stesso peso di quei quilt che avete tagliato con precisone ingenieristica

E ora con squadra apposita o con una sagoma che vi siete fatti in plastica trasparente tagliate fieri e felici il vostro blocco

I ritagli verranno scuciti per essere prontamente riutilizzati

8 pensieri riguardo “Quilt on the go o “strada facendo””

  1. È favoloso!!! Tutto diventa semplice con le tue parole e scopri che le imperfezioni non esistono!!
    Solo la libertà di essere e di esprimersi, finalmente…?
    Sei una grande!!

    1. È semplice quel che vuoi che lo sia, solo in questo modo si riesce in imprese che parevano impossibili. Un blog? Dopo mesi di cova ecco che spunta come niente fosse un tutorial di “quilt as you go” per la Patti. Grazie!

  2. Simo non ho ancora letto tutto ,ma sei una persona stupenda !!!! Le tue creazioni sono metafore della tua vita e i tuoi commenti così come la tua capacità di affrontare i problemi sono eccezionali,come te. Ironica ,spiritosa e soprattutto capace di vedere positivo anche nel negativo.Brava Simo un bacione Lucy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.